Tutela della biodiversità e degli ecosistemi, uso efficiente delle risorse ed economia circolare, finanza verde. Sono questi i tre argomenti dei quali si discuterà al G20 Ambiente, che si terrà al Palazzo Reale di Napoli giovedì 22 e venerdì 23. Secondo il sito del Ministero della Transizione ecologica, che organizza l’evento, nella tutela della biodiversità e degli ecosistemi rientrano la lotta ai rifiuti in mare (marine litter), la difesa e rispistino del suolo, la tutela delle risorse idriche e le soluzioni naturali per la difesa dell’ambiente (nature based solutions, ad esempio la riforestazione per combattere l’effetto serra).

L’uso efficiente delle risorse e l’economia circolare sono temi molto cari all’Italia: paese povero di risorse naturali, da secoli ha fatto dell’efficienza e del riciclo punti di forza della sua economia. Ora questi modelli diventano fondamentali per ridurre le emissioni di gas serra. In tema di finanza verde, il focus è come indirizzare i flussi finanziari mondiali verso investimenti sostenibili e il rafforzamento del capitale naturale.

Giovedì 22 le due sessioni di lavoro in programma riguardano “Capitale naturale da proteggere” e “Utilizzo sostenibile delle risorse”. Venerdì 23 le sessioni riguarderanno “Città e azioni per il clima”, “Recupero sostenibile e transizione all’energia pulita”, “Flussi finanziari allineati a Parigi” e “Sicurezza energetica e povertà energetica”.

Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, presiederà l’evento. Nei giorni scorsi ha anticipato che i temi sul tavolo saranno “la sostenibilità e l’equità in base ai costi dell’anidride carbonica e le ‘nature based solutions‘”. L’Italia inoltre “solleverà la questione dell’importanza dell’innovazione per l’ambiente e il supporto ai paesi più vulnerabili“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.